Perché scegliere un mouse verticale?

mouse verticale

Condividi questo post!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Rispondere ad un bisogno posturale naturale e tutelare la salute degli smart worker, e non solo.

Quante volte ti sei massaggiato il polso, con il quale usi il mouse, con l’intento di alleviare quel fastidio-dolore così persistente?
L’evoluzione tecnologica, e suoi accessori, rispondono principalmente a bisogni di efficienza e di affidabilità a costi sempre più competitivi ma trascurano, a volte, quelli di tutela della salute e di prevenzione dalle malattie.

Cosa si intende per postura corretta e cosa la altera:

  • il Decreto n. 81 definisce la postura come “l’atteggiamento abituale del corpo e dei diversi distretti corporei”;
  • fra i principali fattori responsabili di patologie muscoloscheletriche lavoro-correlate c’è  la postura incongrua intesa come “sollecitazioni  estreme  degli  angoli  delle  articolazioni,  specialmente  se per tempi prolungati” (-Rischi da posture incongrue- intervento al convegno nazionale “Rischio biologico, psicosociale e biomeccanico per i lavoratori della sanità – Attualità scientifiche e legislative” in Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia, Volume XXXII – N. 3 – luglio/settembre 2010).
    Da questo deduciamo che la postura raccomandata è quella che va incontro al rispetto di atteggiamenti abituali e fisiologici del nostro corpo.

Quanto è fisiologico quello che fai?

Ora ti chiedo di eseguire questa semplice azione: mettiti seduto davanti ad un tavolo qualsiasi, appoggia naturalmente i gomiti e distendi gli avambracci sul tavolo: in che posizione li appoggi? Esatto, dalla parte laterale e non con il palmo all’ingiù!
Quando usi un mouse classico l’avambraccio non è in posizione naturale, il polso deve ruotare per prendere in mano il mouse e questo crea uno sforzo e una compressione del nervo mediano della mano, che è alla base dei fastidiosi dolori che poi portano alla sindrome del tunnel carpale.
Questa foto ti mostra la postura di un braccio mentre utilizza un mouse normale, lo vedi il polso come è girato in maniera innaturale? Tu pensi sia naturale solo perché ci sei ormai abituato. Inoltre, con il mouse classico, si tende a muovere molto il polso e molto poco l’intero avambraccio provocando un sovraccarico a tendini e legamenti del polso.

Guarda invece lo stesso braccio come si comporta quando utilizza un mouse verticale: la mano è in posizione neutra e l’avambraccio è poggiato in modo naturale, senza alcuna torsione ne compressione.

I vantaggi di un mouse verticale

Un mouse verticale ti aiuta a prevenire dolori legati a patologie quali la sindrome del tunnel carpale, tendinite e lesione da sforzo ripetitivo perché favorisce una posizione molto più naturale dell’avambraccio e la mano che va a chiudersi intorno al corpo ne esce anch’essa più rilassata, assumendo una posizione che è semplicemente più comoda.
Ti servirà un po’ di pratica per abituarti completamente…ma i benefici fisici sono evidenti già dopo poche settimane.

E ora qualche consiglio su come scegliere il mouse verticale?

Grandezza del mouse
La grandezza del mouse verticale è un fattore importante: la mano deve avvolgere il corpo del mouse in modo da avere il pollice sul lato interno e le altre quattro dita sul lato esterno e deve afferrarlo completamente.
Attenzione a non sceglierlo troppo piccolo perché si rischia di non essere in grado di premere i pulsanti.
18 centimetri è la misura che determina la differenza tra una mano grande e una piccola.
Ti starai chiedendo sicuramente: “Quanto è grande la mia mano?”
Misura dalla base del polso fino alla punta del dito medio: se supera i 18 cm, la tua mano è grande, altrimenti è una mano piccola.

Numero di pulsanti
Il mouse verticale ha un vantaggio: il design permette di avere pulsanti extra, in quanto il mouse verticale rende molto più facile l’utilizzo del pollice.
Se escludiamo il tasto destro, quello sinistro e la rotellina, pulsanti che si trovano anche su un mouse classico, sul mouse verticale si trovano uno o due pulsanti sul lato interno, raggiungibili appunto col pollice.
I modelli variano tra di loro e quindi dovresti dare un’occhiata al numero di pulsanti e a quanti eventualmente sono programmabili, per rendere il mouse verticale ancora più personalizzato. E se sei mancino, non preoccuparti assolutamente, esistono sul mercato mouse verticali pensati appositamente per te.

Perché scegliere un mouse verticale?

Per dire “STOP” ad una postura che rovina a lungo termine il polso e il braccio e per godere di una comodità di utilizzo nettamente superiore a quella data da un normale mouse orizzontale, specialmente se parliamo di un utilizzo prolungato come quando si lavora davanti ad un computer ogni giorno per molto tempo.

E se non bastasse?
I tendini sono per loro natura zone poco vascolarizzate, per evitare l’insorgere di infiammazioni è molto utile svolgere regolarmente esercizi specifici di allungamento muscolare, in particolare di quei muscoli che durante l’attività lavorativa sono attivati in accorciamento.

ParcAGILE è un attrezzo fisioterapico compatto e sempre a tua disposizione, con il quale puoi eseguire veri e propri protocolli di esercizi specifici per il benessere muscolare di polsi, gomiti, spalle e schiena.
Semplici video tutorial ti supportano nell’esecuzione dei diversi esercizi e una chat sempre attiva risponde ad ogni tua domanda.

Non rimandare l’appuntamento con la tua salute, comincia oggi! Vai alla pagina https://www.parcfor.com/smart-worker/  e clicca su Acquista Subito.

Sei interessato al sistema PARC?
Contattaci, un nostro specialista ti offrirà un servizio di consulenza gratuito.

Altri Articoli

Dolore alle spalle, come prevenirlo

Una scarsa flessibilità è la causa di molti disturbi muscolo scheletrici, scopri il test di mobilità, che ti permette di prevenire il disturbo e dolore