MALPROF-INAIL 2015 -2016: al primo posto le malattie muscolo scheletriche, i più colpiti sono le donne e i lavoratori over 60.

rapporto malprof INAIL

Condividi questo post!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

PREMESSA

Nonostante le donne siano percentualmente meno presenti nel mondo del lavoro rispetto agli uomini, hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute legati al lavoro e una prevalenza di disturbi muscolo scheletrici. Settori e occupazioni specifici dominati dalle donne si caratterizzano per l’esposizione a rischi fisici specifici che ci correlano a disturbi muscolo scheletrici.

Attualmente una persona su dieci ha 60 anni o più e le stime affermano che entro il 2030 gli individui della generazione caratteristica del “baby boom” saranno anziani. Si ritiene che questo gruppo sarà per il 25% rappresentativo della nostra popolazione (Organizzazione Mondiale della Sanità).

La densità delle ossa e la forza muscolare, a partire dai 30 anni, iniziano a diminuire sia negli uomini che nelle donne. La quantità di tessuto muscolare diminuisce gradualmente comportando perdita di massa e forza muscolare. La perdita lieve di forza muscolare aumenta la tensione su alcune articolazioni (come il ginocchio) e può predisporre la persona ad artrite o a cadute.

Invecchiano le articolazioni e presentano alterazioni della cartilagine e del tessuto connettivo, diventando meno elastiche e più suscettibili a eventuali lesioni. Le superfici articolari non scorrono più bene l’una sull’altra come in precedenza. Inoltre, le articolazioni diventano più rigide perché il tessuto connettivo all’interno dei tendini e dei legamenti diventa più rigido e fragile. Tale cambiamento limita anche l’arco di movimento delle articolazioni.

SINTESI DEL RAPPORTO

Il tasso medio, nel biennio 2015 – 2016, di segnalazioni è di 31,8 su 100.000 abitanti, meno rispetto al 2013 – 2014 ma rimane costante la percentuale di segnalazioni a carico di lavoratrici (26%).

Se poi analizziamo le segnalazioni in riferimento all’età, tra le donne con età compresa tra i 30 e 59 anni, corrispondono al 76%, mentre tra gli uomini si attestano al 64%.

La prima causa di segnalazione valutabile riguarda soprattutto la malattia muscoloscheletrica con il 69%, la quota tra le donne, per questa tipologia di segnalazione, raggiunge l’87%.

Anche tra i lavoratori over 60 prevalgono le malattie muscoloscheletriche, ma questo non è diverso nemmeno per le altre fasce di età: i disturbi muscolo scheletrici sono la prima causa di segnalazione, in particolare, tra i casi con nesso causale positivo spiccano i disturbi dei dischi intervertebrali con una quota del 23%.

Il settore economico più colpito per gli uomini è quello delle costruzioni (22%), seguito dall’agricoltura (11%) e dalla fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo, escluse macchine e impianti (6%).

Mentre per le donne, la maggior quota di casi si riscontra nei settori della sanità e altri servizi sociali (14%) e nell’agricoltura (12%).

Per le donne, la professione avente maggiori segnalazioni con nesso positivo è la categoria delle artigiane e delle operaie addette alle lavorazioni alimentari, del legno, del tessile, dell’abbigliamento (La salute della donna al lavoro. Punto Sicuro, a cura di Debora Russi) delle pelli e del cuoio (14%), seguita da quella delle lavoratrici agricole, zootecniche e forestali (10%) e dalle professioni concernenti specifici servizi per le famiglie (10%). Le segnalazioni provenienti da professioni specifiche del settore sanitario, sempre per le donne, si attestano nel complesso al 7%.

Per gli uomini, invece, le prime categorie riguardano gli operai ed artigiani dell’industria estrattiva e dell’edilizia (30%) e degli operai ed artigiani metalmeccanici (17%).

Tra le patologie muscoloscheletriche più diffuse, nel settore delle costruzioni, si segnala la sindrome del tunnel carpale, a seguire le malattie del rachide e le altre malattie muscoloscheletriche.

Segue poi l’agricoltura, con percentuali vicine al 13% per tutte le tre patologie.

I disturbi della colonna vertebrale sono collegati anche ai trasporti terrestri e alla sanità, entrambi con valori prossimi al 7%, mentre per la sindrome del tunnel carpale e per le altre malattie muscoloscheletriche emergono anche il commercio al dettaglio, l’industria alimentare e, infine, gli alberghi e ristoranti.

Per un approfondimento dei dati al livello regionale clicca qui: Malprof 2015-2016 – Il nono rapporto Inail – Regioni sulle malattie professionali

Sei interessato al sistema PARC?
Contattaci, un nostro specialista ti offrirà un servizio di consulenza gratuito.

Altri Articoli

Dolore alle spalle, come prevenirlo

Una scarsa flessibilità è la causa di molti disturbi muscolo scheletrici, scopri il test di mobilità, che ti permette di prevenire il disturbo e dolore