Smart working: dal datore di lavoro al lavoratore ….

smart working datori di lavoro - parcfor.com

In questi ultimi mesi abbiamo sentito molto spesso parlare di Lavoro Agile o Smart Working: un termine che nella modalità operativa ha coinvolto gran parte della popolazione dei lavoratori.

Infatti, nel periodo di emergenza COVID-19, è stato raccomandato dai vari DPCM del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali quale misura di contenimento.

Molte aziende hanno optato per questa modalità di lavoro che, tra l’altro, stando ai dati raccolti di recente, sembrerebbe avere avuto notevole share tra i lavoratori.  L’80% degli italiani, secondo un sondaggio condotto dalla Società IZI su un campione di 1.002 lavoratori italiani tra i 18 e i 65 anni, giudica questa modalità di lavoro molto positivamente e il 37% rinuncerebbe addirittura a una parte dello stipendio per continuare con questa modalità.

Ma come possiamo definire il Lavoro Agile o Smart Working?

L’art.18 della Legge 81/2017 lo definisce come la “una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato stabilita mediante accordo tra le parti, anche con forme di organizzazione per fasi, cicli e obiettivi e senza precisi vincoli di orario o di luogo di lavoro, con il possibile utilizzo di strumenti tecnologici per lo svolgimento dell’attività lavorativa…

Cosa devono fare i Datori di lavoro?

L’articolo 22 della Legge 81/2017, sopra citata, prescrive che il datore di lavoro debba garantire la salute e la sicurezza di chi svolge la propria prestazione professionale in modalità “agile”.

È, pertanto, richiesto al Datore di Lavoro di consegnare al lavoratore un’informativa, almeno una volta l’anno, in cui siano individuati i rischi generali e specifici derivanti dallo svolgimento del lavoro in modalità agile.

L’articolo 23 della stessa Legge, in tema di protezione,prevede inoltre che il datore di lavoro tuteli il lavoratore rispetto agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali.

Cosa deve fare il lavoratore?

Il lavoratore, ai sensi dell’Art 22 Legge 81/2017, è tenuto a cooperare all’attuazione delle misure di prevenzione predisposte dal Datore di lavoro per fronteggiare i rischi connessi all’esecuzione della prestazione all’esterno dei locali aziendali.

Inoltre, il lavoratore in smart working, ha obblighi informativi e formativi in relazione ai rischi specifici connessi alla propria mansione. In particolare, deve essere informato e formato in merito a:

  • comportamenti di prevenzione generale;
  • raccomandazione generali circa i locali in cui dovrà svolgersi il lavoro agile;
  • raccomandazioni in merito all’illuminazione naturale ed artificiale;
  • raccomandazioni in merito all’aerazione naturale ed artificiale
  • comportamenti in merito all’utilizzo di attrezzature e dispositivi di lavoro come ad esempio PC portatile
  • raccomandazioni in merito al rischio di incendio e gestione delle emergenze.

Dunque i percorsi formativi, organizzati dal Datore di lavoro, in altre parole, vertono sui rischi legati all’ambiente di lavoro, sul layout della postazione e sull’uso dei supporti tecnologici.

A supporto del Datore di Lavoro anche l’INAIL ha predisposto un’informativa sulla salute e sicurezza nel lavoro agile, con indicazioni sulle misure di prevenzione generale e specifica e sull’utilizzo sicuro dell’attrezzatura di lavoro.(INFORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL LAVORO AGILE AI SENSI DELL’ART. 22, COMMA 1, L. 81/2017).

Naturalmente anche per la modalità di lavoro Smart Working restano validi gli obblighi dei lavoratori come previsto dall’art 20 del D.Lgs 81/08.

…e di cosa si deve preoccupare?

Lo Smart Working, come ogni qualsiasi novità, oltre ai vantaggi già noti, porta con sé anche delle criticità.

Prescindendo per un momento dagli aspetti legati al digital devide(secondo i più recenti dati di Agicom -ottobre 2019- il 30% degli italiani ha problemi di accesso a internet o non ha una dotazione tecnologica adeguata), bisogna ricordare come lo smart working abbia accentuato l’insorgenza di disturbi muscoloscheletrici.

Assosalute (comunicato stampa Maggio 2020) dichiara che il 49% degli italiani soffre di mal di schiena, il 37% di dolori al collo e il 29% di dolori agli arti inferiori. E soprattutto, sostiene – dato non da trascurare – che tali disturbi sono accentuati dalla scarsa attività e dalle posture non corrette assunte durante il lavoro da casa.

Dunque cosa possiamo fare per “alleviare” questi disturbi musco-scheletrici e promuovere il benessere muscolare?

Nuovi modelli e nuovi strumenti per lo Smart Working

E’ innegabile che serva un nuovo modello di vita e di lavoro, che interpreti correttamente i cambiamenti in corso e anticipi problematiche e criticità all’insegna di uno sviluppo coerente e sensato.

Nella nostra narrazione parliamo spesso di ergonomia, della necessità di adottare posture corrette e dei nostri sistemi nati proprio con lo scopo di incentivare la prevenzione e la promozione della salute muscolare.

Nello specifico, abbiamo una grande novità in pista di lancio, nata proprio pensando ai lavoratori “smart”, e a brevissimo la sveleremo al grande pubblico, restate con noi!


Comunicato stampa – Tre lavoratori su cinque affetti da disturbi muscolo scheletrici: ci pensa PARCfor

Tre lavoratori su cinque in Europa (fonte: UE-OSHA) lamentano disturbi muscolo scheletrici (DMS), fenomeni che interessano la schiena, il collo, le spalle e gli arti superiori, ma possono anche colpire gli arti inferiori e indicano qualsiasi lesione o patologia alle articolazioni o ad altri tessuti.

Un lavoratore su cinque ha evidenziato nell’ultimo anno dolori cronici alla schiena o al collo, mentre il 60% di quelli con problemi di salute legati al lavoro hanno indicato nei DMS la causa principale.

Il quadro diviene ancora più preoccupante se allarghiamo l’orizzonte di indagine al Pianeta: le patologie muscolo scheletriche rappresentano il quarto fattore di impatto sulla salute delle popolazioni e la seconda causa al mondo di disabilità, con il dolore alla schiena in testa a questa speciale classifica di fattori invalidanti.

I DMS sono altresì causa della metà delle assenze dal lavoro (con danni che ammontano al 4% del PIL) e per il 60% delle inabilità permanenti.

Si tratta di numeri impietosi, che certificano una problematica diffusa a livello internazionale che solo recentemente è stata oggetto di studio e di attenzione.

Per affrontare in modo sistemico il problema è nata PARCfor (https://www.parcfor.com/).

PARCfor è una start up, incubata in Bergamo Sviluppo, che sviluppa sistemi innovativi per la prevenzione e la promozione della salute muscolo scheletrica. I dispositivi PARC offrono in un modo semplice, autonomo e quotidiano soluzioni efficaci per i disturbi muscoloscheletrici lavoro correlati e per il recupero e/o il mantenimento delle abilità motorie e delle autonomie di movimento di soggetti soprattutto anziani.

La mente dietro le “invenzioni” di PARC è Debora Russi, consulente e formatrice per la salute muscolo-scheletrica dei lavoratori e founder/presidente della startup.

“Mi occupo di salute del corpo dal mio primo giorno di lavoro – dice Debora – La prima esperienza lavorativa, come fisioterapista, dedicata a riabilitare corpi acciaccati dalla malattia, e quella successiva come formatrice-consulente aziendale, mi hanno fatto incontrare centinaia di persone con disturbi muscolo scheletrici, e permesso di cogliere il bisogno di soluzioni efficaci per la salute muscolare dei lavoratori. Per questo ho ideato il PARC, una sintesi concreta di conoscenze, esperienze e intuizioni maturate in anni di lavoro”.

PARC è un sistema unico ed innovativo nel suo genere, che nasce dalla necessità di offrire in un modo semplice, autonomo e quotidiano soluzioni efficaci per i disturbi muscoloscheletrici al lavoro.

Attrezzi specifici regolabili in altezza, che simulano protocolli di fisioterapia, possono essere piazzati alle pareti degli uffici, nelle aree break o installate a fine linea di produzione, o ancora agganciate ad una struttura mobile per essere utilizzate simultaneamente da più lavoratori in reparti diversi di uno stesso stabilimento.

“Il lockdown imposto dall’emergenza Covid e il conseguente ricorso allo Smart Working– conclude Debora Russi – hanno accentuato i disturbi muscolo scheletrici nei lavoratori: Assosalute stima che il 50% degli italiani ne ha sofferto durante la quarantena. Stiamo ultimando una soluzione domestica, compatta e versatile, che consentirà di svolgere quotidianamente esercizi utili a prevenire, attenuare e curare i disturbi tipici di chi lavora con il computer”.

Nuovo rischio, la sedentarietà protratta: la somma che non ti aspetti

Apparteniamo alla società dell’anca flessa, la civiltà in assoluto più sedentaria nella storia in cui gli individui trascorrono moltissimo tempo seduti su una sedia.

Ogni volta che tengo un corso di formazione sul benessere muscoloscheletrico nel lavoro d’ufficio o sui corretti stili di vita, sconvolge sempre la somma, che faccio fare alle persone presenti in aula, delle ore che trascorrono stando seduti o comunque fermi durante una giornata di lavoro.

Quando va bene siamo sulle 7/8 ore, ma la media è di 10/11 ore, anche se non è infrequente che si arrivi anche a 13 ore.

La maggior parte delle persone prova uno stupore rassegnato, convinto che non sia una condizione tanto grave o che, pur volendo, non sia proprio possibile fare nulla, dati i vincoli della vita moderna, per abbattere quella somma.

Cominciamo a demolire la convinzione ingenua quanto errata che la sedentarietà non rappresenti un rischio per la salute:

  • bastano due ore per innescare brutti circoli viziosi nel corpo!
  • si bruciano meno grassi e il flusso di sangue è più lento;
  • aumentano pressione e i livelli di colesterolo;
  • lo zucchero rimane in eccesso nel sangue perché i muscoli che non si muovono, così il pancreas produce sempre più insulina, che può portare al diabete e altre malattie;
  • muscoli dorsali e addominali diventano flosci alterando la postura;
  • si irrigidisce e si accorcia l’ileo psoas limitando i movimenti delle anche;
  • rallenta la circolazione del sangue e il cuore fa più fatica;
  • caviglie gonfie, vene varicose a pericolosi coaguli di sangue;
  • aumenta la fragilità delle ossa;
  • si riduce l’apporto di ossigeno al cervello e di conseguenza la sua funzionalità ne risente.

Lo stupore in aula da rassegnato diventa contrassegnato da un’espressione dei volti che dicono pressappoco cosi: “azz……. non lo sapevo fosse cosi grave la faccenda!”.

E ora entriamo nella foresta dei vincoli per cercarci gli alberi delle possibilità:

  • alzarsi dalla sedia ogni 30 minuti e muoversi per qualche minuto
  • cambiare posizione frequentemente, se possibile alternare con la standing desk
  • lavorare in piedi, anche per brevi periodi, aumenta la frequenza cardiaca di circa 8 battiti/min
  • scendere una fermata prima dalla metropolitana o dal bus
  • parcheggiare l’auto distante dall’azienda
  • bere molta acqua fa bene al corpo e al movimento
  • al cervello bastano 5 minuti di camminata sostenuta per riacquisire freschezza ed energia mentale
  • una mail in meno, una rampa di scale in più
  • fare stretching durante le ore di lavoro
  • svolgere regolarmente attività fisica almeno 30 min per 5 volte a settimana (OMS)

Anche le postazioni di movimento del sistema PARC rappresentano un ottimo supporto per combattere la sedentarietà protratta negli uffici: gli attrezzi vengono collocati su aste eleganti e leggere che si fissano direttamente alle pareti (uffici, corridoi, aree break, aree wellness) occupando pochissimo spazio. Sono sufficienti brevi sessioni di movimenti PARC specifici per le spalle, i polsi, i gomiti o la schiena, eseguiti durante le pause di lavoro, mentre si dialoga con un collega o ancora nel tempo di un caffè.

Promuovere azioni di salute si deve, rimandare le scelte di salute no.
Appartieni anche tu alla società dell’anca flessa? Contattaci.