Motivazione: come aumentarla grazie alla ginnastica sul posto di lavoro.

ginnastica-al-lavoro-e-motivazione

Storie vere di prevenzione in cantiere

La motivazione sul luogo di lavoro può aumentare grazie ad un coinvolgimento attivo di tutti i dipendenti in esercizi ed attività fisica. 
Andare a lavorare in bicicletta, interrompere per qualche minuto il lavoro per svolgere esercizi di ginnastica, fare walking una volta la settimana: promuovere il movimento fisico è diventato un importante fattore di successo in molte aziende.
Infatti, fare attività fisica è una premessa indispensabile per migliorare la salute e il benessere dei collaboratori, per aumentarne l’efficienza e ridurre le assenze dal lavoro agendo su molteplici fattori destinati ad incrementare notevolmente la motivazione di tutto lo staff coinvolto.
Gli adattamenti ergonomici presenti in diversi luoghi di lavoro rappresentano senza dubbio una misura centrale per migliorare la salute e la produttività dei collaboratori.

Esercizi energetici sul lavoro alla Locher AG

Ogni giorno dopo la pausa pranzo, il capomastro Hans Peter Züger chiama a raccolta gli operai.
Per quanto possano apparire eccentrici, gli esercizi che svolgono insieme hanno un’efficacia indubbia. Tra l’altro contemplano una particolare tecnica di respirazione, di rilassamento e di automassaggio oltre ad esercizi in coppia.
«Sono convinto che questi esercizi energetici e fisici servano a migliorare la salute e la vitalità» afferma Züger.

Tutto nasce dal mal di schiena del capocantiere

Promuovere la salute sul cantiere è una questione che al capocantiere sta molto a cuore perché per undici anni ha sofferto di mal di schiena. Gli specialisti a cui si era rivolto non sono riusciti a dargli il sollievo sperato. Züger capì che le cause del suo mal di schiena erano sia l’attività lavorativa di per sé che lo stress e si iscrisse così ad un corso basato su esercizi utili al corpo ma anche alla mente.
Terminato il corso e visti i risultati su di sé, ha proposto ai suoi collaboratori di fare alcuni esercizi insieme sul cantiere.
Quando, seduti nella baracca del cantiere, gliene ho parlato – racconta il capocantiere – hanno voluto che gli mostrassi subito qualche esercizio manifestando una curiosità che mi ha stupito».
Da quel mattino del maggio 2000 gli esercizi sono diventati parte quotidiana del lavoro.
Anche se ciascuno è libero di partecipare o no al «programma energetico» della durata di una quindicina di minuti, difficilmente qualcuno salta l’appuntamento quotidiano con gli esercizi di riscaldamento, rilassamento ed energetici. In un mondo «virile» per antonomasia quali sono i cantieri edili, dove la prevenzione della salute non è certo un tema molto diffuso, Züger è riuscito a fare breccia negli schemi mentali, ottenendo notevole impatto anche sulla motivazione dei dipendenti.

Pause dinamiche alla Mettler Toledo di Nänikon

«Vogliamo far ginnastica!» protestano alcuni dipendenti della ditta Mettler Toledo se l’istruttore non si presenta puntuale.
Ogni giorno nel reparto di produzione della Global Electronics di Nänikon si interrompe il lavoro per svolgere dieci minuti di esercizi fisici. Durante questa breve pausa dinamica i dipendenti si concentrano su determinati movimenti fisici che non svolgono mai durante il lavoro.
La partecipazione alle pause dinamiche è facoltativa e non va a scapito delle regolamentari pause di lavoro. Gli esercizi vengono preparati e diretti da cosiddetti «moltiplicatori», ossia dipendenti che hanno seguito un apposito corso di formazione per essere poi in grado di dirigere le pause dinamiche, introdotte nel 2004.
I «moltiplicatori» fungono inoltre da referenti per le questioni ergonomiche e hanno il compito di istruire i nuovi dipendenti e fare in modo che sul loro posto di lavoro siano soddisfatti i criteri ergonomici.
Il progetto «Muoviti» è nato da una analisi dei posti di lavoro da cui era risultata l’impossibilità di eliminare dal ciclo lavorativo le attività ripetitive responsabili dei disturbi di salute dei dipendenti. Per rimediare a questi problemi si è pensato di introdurre le pause dinamiche e dare concretezza al motto «Muoviti».

Maggiore motivazione

Dal 2004 le pause dinamiche sono un appuntamento fisso nel lavoro dei dipendenti dei tre reparti di produzione della Mettler Toledo Global Electronics a Nänikon.
«Muoviti» ha inciso in modo molto positivo sulla motivazione e sulle assenze dal lavoro dei dipendenti. L’impegno dei moltiplicatori a proporre esercizi di ginnastica sempre diversi e coinvolgenti è uno dei motivi essenziali del successo riscosso da «Muoviti!».

Esercizi di riscaldamento alla Losinger Construction SA

Quando lo fanno i campioni dello sport, nessuno si meraviglia. Invece, se lo fanno degli operai su un cantiere, suscita curiosità. Stiamo parlando degli esercizi di riscaldamento prima di iniziare a lavorare. Eppure, lo sforzo fisico che quotidianamente compie un operaio edile è del tutto paragonabile a quello di un atleta professionista. Perché allora non prendere esempio dai campioni dello sport e svolgere esercizi di riscaldamento specifici per prevenire gli infortuni sul lavoro?
È questa la conclusione a cui è arrivata l’impresa edile Losinger Construction SA che ha convinto i propri dipendenti a svolgere degli esercizi ginnici prima di iniziare a lavorare.

Il caposquadra mostra come si fa

Ogni giorno sui cantieri della Losinger i caposquadra invitano i colleghi a svolgere un programma di ginnastica che dura una decina di minuti. Oltre 200 operai edili fanno riscaldamento ogni mattino. Dopo aver sviluppato dieci esercizi specifici di mobilitazione e rafforzamento, i fisioterapisti della Clinica di riabilitazione della Suva hanno istruito 40 caposquadra dell’impresa perché a loro volta insegnassero ai colleghi di lavoro come svolgerli.
Quello che oggi è ormai considerata una cosa del tutto normale e svolta con allegria ogni mattina, è stata in realtà introdotta soltanto nella primavera del 2009.
All’inizio gli operai hanno reagito con scetticissimo ai due obiettivi che la Losinger si era posta: prevenire a breve termine gli infortuni che si verificavano con frequenza maggiore nelle prime ore della giornata lavorativa e, sul lungo termine, ridurre del 25 per cento i costi e le assenze dovuti a disturbi e lesioni dell’apparato muscolo-scheletrico. Problemi sempre più frequenti, infatti, tra gli operai edili più anziani.

Riscaldamento = più sicurezza

«Fare esercizi di riscaldamento serve a mettere in moto corpo e spirito» afferma Patrick Frison, uno dei direttori dell’impresa. E non va dimenticata un’altra serie di effetti positivi della ginnastica mattutina: gli esercizi si svolgono in un clima di relax e familiarità che non solo diverte i dipendenti ma che si ripercuote positivamente anche sullo spirito di squadra. Infine, il progetto è servito anche a sensibilizzare i dipendenti a prestare maggiore attenzione alla sicurezza e alla salute nel tempo libero.
È proprio in questa stessa ottica di prevenzione delle malattie professionali, ma soprattutto di quei disturbi fisici che accompagnano le giornate lavorative rendendole più faticose da sopportare, con cui ParcAGILE è stato concepito.
ParcAGILE è un aiuto concreto sempre a porta di mano e un supporto affidabile per eseguire esercizi di allungamento muscolare e di mobilità articolare in autonomia e in qualunque momento della giornata lavorativa.

Con ParcAGILE fare pause dinamiche è facile, scopri come https://www.parcfor.com/smart-worker/

Articolo ispirato da “Diamoci una mossa! Promuovere la salute in azienda – un impegno vincente” Suvapro