1 ottobre 2019 – Giornata mondiale dell’anziano

Condividi questo post!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Nei prossimi 25 anni la popolazione mondiale con più di 65 anni crescerà più velocemente di qualsiasi altra fascia di età. Siamo pronti?

Nel 2050 il nostro sarà un mondo davvero vecchio. Si stima che gli anziani rappresenteranno il 21% della popolazione totale e saranno più numerosi dei giovani sotto i 15 anni. Il numero di persone in grado di provvedere al mantenimento di un anziano sarà meno della metà.

La famiglia del futuro conterà un maggior numero di vecchi che dovranno farsi assistere da anziani, anch’essi esposti a un maggior rischio di malattia e invalidità, persone che inevitabilmente si appoggeranno sui rispettivi nipoti e figli.

Mantenere in buone condizioni di salute una fascia di età fragile, soggetta a patologie croniche, degenerative, invalidanti è un compito prioritario.

L’esercizio fisico rappresenta una componente determinante per il mantenimento dello stato fisico e per il benessere generale delle persone anziane.Le autonomie dell’anziano sono tante e ognuna è preziosa, se le gambe fanno fatica a camminare, le braccia e le mani devono poter continuare ad abbracciare, prendere una tazzina di caffè, mangiare con la propria forchetta, lavarsi e pettinarsi. Se invece son le braccia che fanno più fatica, le gambe, i piedi, le ginocchia possono muoversi, garantire gli spostamenti, incontrare persone, godere di una breve passeggiata all’aria aperta. Mancavano sinora però soluzioni efficaci, in grado di salvaguardare, il più a lungo possibile, le autonomie motorie e cognitive della popolazione che invecchia. Il PARC, con le sue quattro postazioni di movimento semplici e regolabili, e la sua facilità di spostamento da un luogo ad un altro, promuove le diverse autonomie dell’anziano.

Le quattro postazioni del PARC sono infatti in grado di attivare:

  • esercizi fisici di allungamento e mobilità articolare per vestirsi, lavarsi e ballare;
  • esercizi di potenziamento della forza per alzarsi dal letto o dalla sedia;
  • allenamento delle mani, dita e polsi per tenere in mano una forchetta, abbottonare una camicia, aprire barattoli;
  • esercizi di elevazione delle braccia per poter prendere materiali dai pensili;
  • esercizi per migliorare la capacità di superare gradini e agevolare la salita/discesa dalle scale;
  • mobilizzazione delle spalle e stretching della parte superiore del tronco;
  • coordinamento ed equilibrio;
  • movimenti per le gambe che ne rafforzano i muscoli, dai piedi alla zona pelvica;
  • movimenti alternati destra – sinistra che migliorano la coordinazione.
Il PARC per il settore sanitario-assistenziale è pronto!

Sei interessato al sistema PARC?
Contattaci, un nostro specialista ti offrirà un servizio di consulenza gratuito.

Altri Articoli